SPORT, SALUTE, SOGNI & SENTIMENTO

Il Primo Re di Matteo Rovere

Il Primo Re di Matteo Rovere

Il Primo Re

un film di Matteo Rovere, 2019

 

Questo film mi è piaciuto moltissimo e non solo perchè c’è Alessandro Borghi, perchè è vero, lo confido, è un attore che mi piace molto e che trovo anche molto versatile. Meglio se lo vedete al cinema, visto il format.
E’ un film che, più che una produzione italiana sembra americana, e anche questo è un complimento, non sto scherzando.
Ho apprezzato moltissimo la scelta di utilizzare il latino antico, la lingua originale rende il film (sottotitolato in italiano) ancora più verosimile, e questo è un elemento che aiuta ancora di più lo spettatore ad innamorarsi della storia.
La storia, in generale, è una materia che mi piace moltissimo e in questo film si parla dei due fratelli Romolo e Remo – figli della Vestale Rhea Silvia e del Dio Marte che la prese con la forza – che la leggenda e anche la storia accreditano come i fondatori di Roma, in un’Italia molto diversa perfino da come potremmo immaginarcela. Romolo, la storia ci insegna, fondò Roma, ma in questo film il vero eroe guerriero è l’immenso Remo, interpretato da Alessandro Borghi. Remo è coraggioso, impavido, un cuore buono, gestisce le sue paure e ne fa la sua forza. Forse Remo aveva già allora capito tutto anche sulla religione, sulle credenze dell’uomo e sulle dinamiche del potere.
La storia è avvincente e vi lascerà letteralmente incollati allo schermo fino alla fine. Vi consiglio seriamente di non perdervi questo meraviglioso film. Devo confidarvi che sono orgogliosa che sia un film italiano. Il regista, Matteo Rovere – classe 1982 – è giovanissimo e merita davvero tanta stima.

Il trailer ufficiale del film Il Primo Re di Matteo Rovere

Silvia
Amo la natura e nutro un sincero, profondo e atavico rispetto per essa. Mi piace stare all'aria aperta e spesso mi rifugio tra le sue braccia per trovare conforto e godere della gioia di vivere. Questo blog lo tengo per condividere alcune belle avventure che ho vissuto e dalle quali Altri potrebbero trarre ispirazione.

0 Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*