SPORT, SALUTE, SOGNI & SENTIMENTO

La Sportiva HELIOS 2.0

La Sportiva HELIOS 2.0

Una scarpa perfetta per il natural running.

Ho provato domenica scorsa le Helios 2.0 de La Sportiva ed è arrivato il momento di scriverne due righe.
Il percorso sul quale ho corso con queste scarpe è la prima tappa della BVG – la Bassa via del Garda, con partenza da Salò (Brescia) e arrivo a Toscolano Maderno (Brescia). Il percorso è molto vario, direi terreno ideale per testare una scarpa sulla carta nata per il trail running e che mi sentirei di decretare davvero perfetta per il natural running.

La scarpa è incredibilmente leggera, un punto a favore importante se consideriamo l’ipotesi di utilizzarle durante una gara di endurance. Avere delle scarpe pesanti può incidere parecchio sulla stanchezza (in montagna si sa i grammi contano), inoltre la loro leggerezza e l’elasticità complessiva della calzatura la rende davvero perfetta su diverse tipologie di terreni.

La Sportiva Helios 2.0 è la perfetta calzatura “door to trail” concepita per allenamenti e corsa su terreni duri off-road. E’ disponibile in ben 6 varianti colore (io alla fine ho preso la variante giallo/grigio qui sotto, avrei preso volentieri il nero ma era finito il numero), appartiene alla categoria La Sportiva Mountain Running. La calzata è morbida ed estremamente confortevole, ideale per l’utilizzo quotidiano e per corsa su percorsi trail con terreno roccioso grazie all’inserto Cushion Platform™ che permette un maggiore assorbimento degli urti.
La tomaia è in EVA e Mesh molto traspirante ed estremamente leggera. La costruzione slip-on facilita inoltre la calzata ed avvolge il piede in maniera ergonomica.

La scarpa minimalista, forse non bellissima nel design che un’esteta come me può andare cercando …ma decisamente adatta, ai Vertical e alle giornate di pioggia con terreno, erba e pietre scivolose come questo in cui l’ho testata io (e devo dire che ha ampiamente passato l’esame). Questo grazie alla sagomatura della suola, a scanalature, che consente di avere trazione in salita e tenuta in discesa, con i tasselli a “U” che si alternano dritti e rovesciati per aumentare le caratteristiche di trazione e stabilità. La mescola è in FriXion AT bi-colore, grippante anteriormente per favorire la spinta in salita e la tenuta in discesa, ammortizzante sul tallone.

L’allacciatura consente di chiudere la scarpa sul piede con la giusta pressione, grazie ad una linguetta ben imbottita. Ho il piede piccolo e calzo un 37, direi che anche il numero era corretto, appena appena abbondante in larghezza.

Essendo scarpe leggere e traspiranti si possono usare anche come scarpe da riposo nei mesi estivi in montagna. Helios 2.0 sono davvero morbide nel supporto del tallone con un drop minimo di 4 mm, per una volta i miei piedi hanno potuto godersi tutto il viaggio, senza sofferenza nel finale.

Il bilancio è molto positivo, non vedo l’ora di testarle su percorsi ancora più lunghi. Potrei aver trovato le scarpe definitive al contrario di ogni previsione!

 

Se ti piace quello che scrivo e ti va di sostenere questo blog acquistale su Amazon da questo link 😉 Grazie!

Silvia
Amo la natura e nutro un sincero, profondo e atavico rispetto per essa. Mi piace stare all'aria aperta e spesso mi rifugio tra le sue braccia per trovare conforto e godere della gioia di vivere. Questo blog lo tengo per condividere alcune belle avventure che ho vissuto e dalle quali Altri potrebbero trarre ispirazione.

0 Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*